Acne rosacea: cause, cure, rimedi naturali e alimentazione

L'acne rosacea è un problema infiammatorio della pelle, soprattutto quella del viso, che non ha una causa specifica. Spesso si presente con un rossore diffuso su naso, fronte e guance, ma può diventare di natura cronica ed essere un grave problema di tipo estetico. Tuttavia, è un problema che si può tenere facilemente sotto controllo anche con l'alimentazione.

da , il

    Quali sono le cause, le cure, i rimedi naturali e l’alimentazione dell’acne rosacea? L’acne rosacea, o semplicemente rosacea, è una dermatosi cronica molto comune, che interessa generalmente l’area centrale del volto e si manifesta con eritemi, rossore e lesioni infiammatorie di tipo acneiforme. Di solito, le categorie più colpite da questa patologia sono gli adulti, fra i 30 e i 60 anni, con la carnagione chiara, ma ad essere colpite sono in prevalenza le donne, soprattutto se in menopausa. L’acne rosacea tende ad avere un decorso progressivo, con i sintomi che tendono a peggiorare nel corso del tempo.

    Fasi dell’acne rosacea

    L’acne rosacea solitamente si sviluppa in quattro fasi:

    • Pre-rosacea: si sviluppa una tendenza ad arrossire facilmente, per poi evolvere in un rossore persistente e continuo nella parte centrale del viso. Questa manifestazione è il risultato della dilatazione dei vasi sanguigni più vicini alla superficie della pelle.
    • Rosacea vascolare: quando si ha un peggioramento dei sintomi si può sviluppare la teleangestasia. In questa fase, inoltre, cominciano a comparire piccoli vasi sanguigni sul naso e sulle guance. Questa fase è caratterizzata dalla presenza di gonfiore e sensibilità accentuata dell’area interessata.
    • Rosacea infiammatoria: si sviluppano delle papule, o piccoli rigonfiamenti rossi, che ricoprono interamente naso, guance, fronte e mento. In questa fase possono apparire anche pustole pieni di pus, rendendo la rosacea simile all’acne comune.
    • Rosacea avanzata: la malattia manifesta con più intensità i sintomi precedenti. di conseguenza aumentano l’arrossamento della pelle ed il numero dei vasi sanguigni visibili. La pelle tende a ispessirsi e a gonfiarsi in maniera anomala. Le ghiandole sebacee del naso e, talvolta, le guance si gonfiano fino a causare un accumulo di tessuto sopra ed intorno al naso, che appare bulboso. Si sviluppa così il rinofima. Quest’ultima condizione è più comune negli uomini e si sviluppa lentamente nel corso degli anni.

    Sintomi più comuni

    Inizialmente, i sintomi dell’acne rosacea sono lievi e periodici, ma con il tempo la condizione tende a diventare cronica: la pelle della fronte, delle guance e del naso inizia a diventare lucida ed eritematosa con la comparsa di teleangectasie. Le papule, di colore rossastro, tendono a disporsi in piccoli gruppi e sono spesso accompagnate da pustole. In casi gravi può osservarsi una lenta e progressiva alterazione della struttura cutanea nasale, detta rinofima, che porta ad un ingrossamento sproporzionato del naso. Se tale alterazione interessa aree cutanee diverse da quella del naso si parla più genericamente di fimatosi. In questi casi la cute appare notevolmente ispessita, con pori visibili.

    L’acne rosacea è prevalentemente una malattia infiammatoria cronica della pelle, ma nel 60% dei casi, può interessare anche gli occhi, per questo tra i sintomi può prevalere la congiuntivite e la cheratite, un’infiammazione della cornea.

    A volte, la malattia può essere confusa e/o coesistere con l’acne comune e con la dermatite seborroica.

    Possibili cause

    Attualmente, non si conoscono le cause esatte dell’acne rosacea, ma sono sicuramente multifattoriali. Gli esperti, infatti, considerano come possibili fattori responsabili quelli genetici, ambientali, vascolari e infiammatori. Le cause che possono contribuire all’arrossamento della pelle o ad una progressione dell’acne rosacea, includono:

    • alimenti o bevande caldi, piccanti o speziati
    • assunzione eccessiva di alcol
    • temperature troppo fredde o troppo calde
    • esposizione alla luce del sole, al vento
    • stress, rabbia o imbarazzo
    • esercizio fisico eccessivo
    • bagni caldi, sauna
    • menopausa
    • familiarità
    • disturbi della micro-circolazione
    • uso prolungato di corticosteroidi e di farmaci sul viso

    Cure e trattamenti

    Non esiste una cura definitiva per l’acne rosacea, ma l’indicazione generale è quella di ridurre i fattori che possono determinare il rossore. Ma se è bene considerare che non esiste alcuna cura specifica per trattare definitivamente la rosacea, è anche bene comprendere che la malattia in questione non è grave e non comporta complicanze. Il trattamento della rosacea può prevedere sia un approccio naturale e comportamentale, modificando lo stile di vita per eliminare o ridurre i fattori scatenanti, ma anche quello farmacologico e chirurgico. Vediamoli nel dettaglio.

    Farmaci

    Le terapie farmacologiche usate per la rosacea comprendono solitamente cure topiche o sistemiche. Il primo gruppo rappresenta generalmente la prima scelta ed è basata su metronidazolo e acido azelaico, entrambi efficaci e con scarsi effetti collaterali. La terapia sistemica, al contrario, è indicata in casi più gravi ma la sua sperimentazione non ha reso l’efficacia sperata per ora. Tuttavia, comprende antibiotici per l’acne rosacea come claritromicina, azitromicina e doxiciclina

    Laser

    Uno dei migliori trattamenti per la rosacea, e in particolare per l’eritema della pelle, è il laser vascolare per uso dermatologico, a lunghezza d’onda singola, oppure la luce pulsata, a spettro più ampio. In entrambi i casi viene utilizzata la luce per penetrare nell’epidermide così da ottenere la cauterizzazione dei vasi. Con un numero sufficiente di trattamenti, questo metodo può anche eliminare del tutto l’arrossamento, sebbene dei trattamenti periodici aggiuntivi saranno probabilmente necessari per rimuove i nuovi capillari riformati.

    Rimedi naturali

    Tra i possibili rimedi naturali contro l’acne rosacea è stato studiato l’estratto di Chrysanthellum indicum, il quale è stato largamente efficace nel contrastare i sintomi più lievi di pelle e occhi. Ma in erboristeria sono disponibili alcuni prodotti ad uso topico, come creme e pomate, formulati appositamente per agire sul microcircolo, aumentando la resistenza dei capillari. Questi prodotti vengono sviluppati a partire dai principi attivi di:

    • carciofo
    • cicoria
    • noce
    • rosmarino
    • pungitopo
    • vite

    Alimentazione

    Studi recenti, infatti, hanno dimostrato come l’alimentazione possa influire sull’acne rosacea in diversi modi. Anche gli eccessi alimentari, infatti, possono essere causa dell’arrossamento e dell’acne rosacea pustolosa. È quindi importante evitare alcuni alimenti e preferirne altri. Ecco una tabella riassuntiva.

    Alimenti da evitareAlimenti da preferire
    Cibi piccanti e caldiAcqua
    CioccolatoPatate bollite
    Tè e caffèRiso
    Bevande alcolichePollo
    Prodotti caseariPesce in umido
    Alimenti lievitatiCentrifugati di verdure
    SpinaciMele
    MelanzanePere
    FagioliOlio di lino
    PiselliNoci
    PomodoriOlio d’oliva
    AgrumiTacchino
    AvocadoTisane