Acne cistica: cause, come curarla e rimedi naturali

L'acne cistica è un disordine cronico-infiammatorio del follicolo pilifero e delle ghiandole sebacee ed è caratterizzata da dalla presenza di noduli e cisti di grandezza variabile, da pochi millimetri ad alcuni centimetri, su viso e tronco. Può comparire nella pubertà o tra i 20 e i 30 anni e colpisce sia maschi che femmine. Per la cura di questo disturbo sono disponibili diverse opzioni efficaci, in grado di agire sulle cause d'origine.

da , il

    Quali sono le cause e i rimedi naturali dell’acne cistica? E come curarla? L’acne è una malattia della pelle molto diffusa, soprattutto in età giovanile in coincidenza col periodo della pubertà, ma non solo, considerando che può colpire anche gli adulti. Esistono varie tipologie di acne: tra queste l’acne cistica si verifica quando, a causa del sebo in eccesso, si formano dei noduli infetti, ovvero delle cisti. Questa particolare tipologia è una delle forme più gravi di acne poiché deturpa i tratti del volto ed è difficile da curare.

    Come si manifesta l’acne cistica

    L’acne cistica è un problema che tende a esordire tipicamente in giovane età e che può svilupparsi in una serie di infiammazioni piuttosto gravi dei tessuti della pelle, in zone sensibili come il volto, il collo e le spalle. A differenza di altre forme acneiche, come l’acne rosacea che è piuttosto semplice da curare poiché tende a presentarsi generalmente come un’infiammazione del follicolo pilifero, la natura dell’acne cistica è più complessa e per questo difficilmente risolvibile autonomamente. Può colpire indistintamente donne e uomini e, per la sue caratteristiche, è riconosciuta come la forma più grave di acne. Anche nota come acne nodulo-cistica, i suoi sintomi sono caratterizzati dalla presenza di noduli e cisti di grandezza variabile, accompagnati da dolore, fastidio e infiammazione.

    Possibili cause

    Attualmente, non sono ancora del tutto chiare le cause che conducono alla formazione dell’acne cistica. Tuttavia, è noto che sia legata alle modificazioni endocrine e ormonali tipiche dello sviluppo sessuale del periodo adolescenziale. Durante la pubertà (dai 12-13 anni sino ai 18-20 anni circa), con l’insorgere di modificazioni secretive della pelle, alcuni batteri o microbi trovano terreno fertile per attecchire, innescando una reazione infiammatoria. Il sebo in eccesso, ristagnando, diventa irritante, tanto da distruggere il follicolo pilifero. Ma altre cause possono concorrere alla formazione dell’acne cistica. Tra queste le principali possono essere:

    • eccessiva attivazione delle ghiandole sebacee per stimolo neuroendocrino
    • stress e ansia
    • infezioni da peli della barba
    • ovaio policistico
    • familiarità

    Cure e trattamenti

    Tra le tante forme di acne, quella di tipo cistica si rivela spesso come la più complessa da trattare. Purtroppo, in molti casi, l’acne cistica viene curata definitivamente ma ciò che rimane sono le cicatrici: infatti, le cisti piene di pus, situate sotto la superficie della pelle, portano a un fastidioso prurito, che, se assecondato, deturpa le zone colpite lasciando dei solchi nella pelle di varie dimensioni.

    Farmaci

    L’acne cistica può essere efficacemente trattata attraverso l’isotretinoina, un farmaco, derivato della vitamina A, utilizzato specificamente per il trattamento dell’acne, per via topica nelle forme lievi o moderate, per via orale nelle forme più gravi. Il suo scopo è quello di diminuire la produzione di sebo da parte delle ghiandole sebacee e stabilizzare la cheratinizzazione della cute. Riduce così la probabilità che venga ostruito il dotto escretore della ghiandola sebacea, prevenendo la formazione dei comedoni e il rischio di follicoliti. Purtroppo, questo farmaco, assunto a lungo termine, produce differenti tipi di tossicità e pertanto va usato solo sotto controllo del proprio dermatologo. Inoltre, quando l’acne cistica è particolarmente grave, il medico potrà prescrivere degli antibiotici sia topici che per via orale.

    Laser

    La laserterapia su problemi di acne cistica consiste nel trattamento attraverso il laser dei processi infiammatori che causano l’acne, ma è anche mirata al miglioramento degli esiti cicatriziali, senza causare particolari effetti collaterali. Il laser, infatti, ha la capacità di colpire e neutralizzare la componente batterica presente nei pori, inibendo l’eccessiva produzione di sebo delle ghiandole. Il trattamento dura circa 5 sedute, a distanza di un mese dall’altra, per una ventina di minuti ciascuna.

    Terapia fotodinamica

    La terapia fotodinamica è un processo in cui si irradiano le cellule colpite dall’acne cistica favorendo il decorso dell’infiammazione e riuscendo anche a preservare la pelle da un punto di vista puramente estetico. Anche se si prefigura come un metodo efficace nel trattamento dell’acne cistica, si tratta di una tecnica che richiede tempi mediamente lunghi.

    Rimedi naturali

    Per trattare l’acne cistica è sempre necessario rivolgersi prima a un dermatologo esperto ed evitare qualsiasi rimedio fai da te, che potrebbe, addirittura, aggravare il problema. Guarire dall’acne cistica, soprattutto se grave e in stadio avanzato, con semplici rimedi casalinghi è impossibile. Tuttavia, sono disponibili dei rimedi naturali in grado di alleviare il dolore o il fastidio percepiti a causa dell’acne cistica. Questi rimedi sono topici, quindi andranno direttamente applicati o frizionati sulla zona infetta, anche più volte al giorno, lasciandoli agire per qualche minuto:

    • aglio
    • cipolla
    • olio essenziale di lavanda
    • avocado
    • tea tree oil miscelato all’olio di mandorle

    Come prevenire l’acne cistica

    Per chi soffre di questo tipo di acne sono raccomandabili alcuni accorgimenti che, se anche non contribuiranno alla definitiva guarigione del problema perchè non agiscono sui fattori predisponenti, potranno alleviare o prevenire alcuni fastidi dell’acne cistica lieve:

    • Detergere la pelle con prodotti delicati, non schiumogeni e non troppo di frequente. Massimo due volte al dì
    • Evitare l’uso di cosmetici coprenti in crema perché favoriscono l’acne. Preferire i trucchi minerali
    • Struccarsi ogni sera con detergente non schiumogeno prima di andare a dormire per permettere alla pelle di respirare
    • Ricordare che gli sfregamenti con i tessuti peggiorano l’acne quindi prediligere magliette di cotone, colli aperti e niente sciarpe
    • Durante il periodo estivo proteggere la pelle dall’esposizione solare con foto riflettenti minerali e non con creme solari

    Acne cistica e alimentazione

    Ciò che si mangia giornalmente influisce pesantemente sullo stato di salute, basti pensare a quando si eccede con particolari tipi di alimenti, come i salumi, e alla relativa comparsa di qualche brufoletto nei giorni immediatamente successivi. Per quanto riguarda l’alimentazione e l’acne cistica, invece, non è, per ora, possibile condannare un determinato regime alimentare piuttosto che un altro. È anche vero che alcune popolazioni delle civiltà rurali dell’Africa ignorano l’esistenza dell’acne fino a quando cambiano definitivamente stile di vita e alimentazione, spostandosi nei Paesi occidentali e industrializzati. Tuttavia, non esistono ancora prove scientifiche che ne accertino il collegamento.

    Tuttavia, è necessario curare l’alimentazione anche in caso di acne, prediligendo frutta, verdura, pesce, cereali, ed evitando cibi grassi, lievitati e zuccheri.