8 Marzo Festa della donna: protagoniste le pazienti oncologiche

da , il

    Festa della donna pazienti oncologiche

    L’8 Marzo è una ricorrenza particolare che oggi è intrisa di mimose, fiori, sorrisi e cene tra amiche, ma che di fatto ricorda un momento drammatico della storia. Donne che non ce l’hanno fatta. Ora, anche in modo forse esagerato si celebra la vita. Questo è anche e soprattutto l’obiettivo di un’iniziativa che vede coinvolte molte donne, malate oncologiche, affinché siano stimolate e si raccontino nell’affrontare la quotidianità: “L’Immagine ritrovata: la centralità della qualità di vita della paziente oncologica”.

    E’ l’evento che avrà luogo l’8 Marzo presso l’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena, in contemporanea con l’Università Cattolica del Sacro Cuore, ideatrice dell’iniziativa e con la “Fondazione Pascale” di Napoli. Fare una dieta, prendere degli integratori, andare al mare ed abbronzarsi; desiderare un figlio, affrontare una gravidanza, voler allattare il bimbo, crescerlo; mantenere il posto di lavoro. Cose normali, quotidiane che ogni donna sente provenire profondamente dal cuore e che solitamente non rappresentano un grande problema. Ma tutto cambia con una diagnosi di tumore, sia esso al seno che all’ovaio o ai polmoni. Le donne si sentono abbandonate, sole, e l’iniziativa vuole accompagnarle nel difficile percorso della malattia e della terapia, perché una migliore qualità della vita è possibile.

    Il tutto è in linea con i percorsi di umanizzazione dei singoli istituti che si occupano di oncologia. L’aspetto psicologico nei tumori femminili, ma anche la loro prevenzione, la fertilità e la gravidanza in corso di malattia, gli effetti collaterali delle terapie: esperti del settore forniranno consigli pratici su come affrontare il tutto. Non mancherà anche un laboratorio di trucco e capelli .