5 alimenti nemici dell’intelligenza

Ecco alcuni dei peggiori nemici dell'intelligenza che si possono mettere in tavola: 5 alimenti che mettono a dura prova il cervello e le capacità intellettive.

da , il

    I 5 alimenti nemici dell’intelligenza. Chi l’avrebbe mai detto che per preservare cervello e capacità intellettive, oltre a leggere, informarsi e studiare, è meglio anche fare attenzione a ciò che si mangia, a ciò che si porta quotidianamente in tavola? Alcuni insospettabili, altri più noti come alimenti decisamente poco salutari, ecco la top five dei peggiori nemici dell’intelligenza, da evitare o da centellinare nella dieta.

    1. I dolci

    Dolci confezionati e iper zuccherati? Gustosi, forse, ma sicuramente una pessima scelta per il cervello. Non solo l’eccesso di zuccheri e di calorie, che spesso sono i tratti distintivi di questi prodotti dolciari, dalle merendine alle torte pronte, rischiano di lasciare un segno indelebile sulla silhouette. Anche l’intelligenza potrebbe accusare il colpo: troppo zucchero può essere nocivo per la salute e può favorire la comparsa di problemi neurologici, con riflessi negativi sulla capacità di memorizzare e di imparare.

    2. I dolcificanti artificiali

    Ridurre lo zucchero e, quindi, via libera ai dolcificanti artificiali? Non proprio. Prodotti creati a tavolino, sintetizzando sostanze chimiche di varia, e spesso dubbia natura, meglio non abusare dei dolcificanti artificiali che possono avere effetti deleteri sull’efficienza intellettiva.

    3. Il cibo spazzatura

    Il famoso, criticato ma ancora troppo diffuso, junk food, il cibo spazzatura, tanto amato oltreoceano, oltre a mettere in serio pericolo la linea e la salute di gran parte dei distretti corporei, dal cuore ai vasi sanguigni, passando per fegato e reni, può compromettere anche quella del cervello. Infatti, hamburger, patatine & co., combinate a salse e condimenti carichi di calorie e grassi, possono provocare una dipendenza pericolosa, fonte di ansia e depressione, complice l’azione che svolgono sulla dopamina.

    4. Le patatine fritte

    Dito puntato contro tutte le fritture, soprattutto se precotte e di dubbia provenienza, ma in particolare contro le patatine fritte, le preferite dagli amanti del genere e le più diffuse. I fritti sono nemici giurati della salute e della linea, ma anche del cervello, soprattutto quando l’olio utilizzato per la cottura non viene cambiato. Infatti, quando l’olio raggiunge temperature elevate genere l’acrilamide, una sostanza tossica per tutto l’organismo che esplica un’azione negativa sulle capacità cognitive.

    5. Gli insaccati

    Meglio limitare il consumo di insaccati, ricchi di sale, pericoloso per il sistema cardiovascolare, e di nitrito di sodio, sostanza implicata, almeno stando alle ultime evidenze scientifiche, in problemi cognitivi e nel carcinoma cerebrale.