3 modi per superare un trauma

3 modi, 3 consigli utili per superare un trauma con successo, per ritrovare equilibrio e serenità dopo un evento traumatico.

da , il

    3 modi per superare un trauma psicologico o, meglio, 3 consigli utili per cercare di affrontare anche le situazione più negative in modo costruttivo. 3 suggerimenti preziosi per non lasciarsi vincere, o almeno provarci, da rabbia e dolore, ma per tentare di superare le dure prove che la vita ci impone nel miglior modo possibile.

    SCOPRI I RIMEDI NATURALI PER COMBATTERE L’ANSIA

    1. Affrontare e non scappare

    La prima cosa che verrebbe spontaneo fare, dopo un trauma che ha messo a dura prova nervi e psiche, è scappare di fronte alla sofferenza. Ma ignorare la rabbia e il dolore, far finta che il trauma non ci sia mai stato e soffocare emozioni e disperazione non è decisamente una strategia vincente, anzi. Per superare davvero un trauma, per provare a ritrovare un vero equilibrio psicologico e non solo una tranquillità apparente, di facciata, è necessario non nascondersi dietro alla voglia di passare oltre, ma affrontare di petto il dolore, riconoscerlo e accettarlo. Lasciarsi andare, senza lasciarsi vincere o schiacciare però, al dolore alle emozioni laceranti è un primo passo.

    2. Rielaborare per superare

    Accettato l’evento traumatico, lo strascico di sofferenza e il turbinio di emozioni contrastanti che ha scatenato, non resta che rielaborare il tutto per provare a superare il momento difficile. Analizzare il trauma, le sue ragioni e circostanze, le sue reali conseguenze e implicazioni. Non scappare dall’ansia e dalle emozioni, ma viverle appieno, esaminarle e capirle: ecco un passo fondamentale per riuscire a gestirle al meglio. Solo in questo modo si può davvero rielaborare in modo proficuo e positivo quanto accaduto, si può sviscerare il problema e trovare il metodo migliore per risolverlo senza contraccolpi negativi ulteriori.

    3. Trasformare il trauma in opportunità

    Chiudersi in sé stessi o, peggio, fingere che non sia successo nulla, che l’evento traumatico non abbia provocato conseguenze e scossoni emotivi è deleterio. Non lasciarsi annichilire da rabbia e dolore, ma nemmeno ignorarli, quindi. E, per superare davvero il trauma nel modo migliore e più costruttivo possibile, meglio trasformarlo in opportunità, non vivendolo come una punizione ma come un’occasione di crescita personale. Una nuova possibilità di cambiamento, di trasformare in positivo la propria vita da tanti punti di vista e da prospettive differenti: dalla percezione di sé alle relazioni con gli altri, amici e parenti compresi, fino all’approccio alla vita, agli obiettivi da raggiungere e alle responsabilità da tenere presenti.

    Dolcetto o scherzetto?